Supahfly e il suo disco Umbras: sveliamo tutti i dettagli

Condividi dal basso

È il momento di rompere quel sigillo di silenzio che circonda il nuovo disco di Supahfly, Umbras. In uscita per Cockroach Int. Production il 10 Novembre in copia fisica e il 9 Novembre su tutti gli store online sparsi per la rete.

È stato un lungo viaggio, costellato d’importanti collaborazioni artistiche sparse qua e là per lo stivale, ore ed ore di produzione in studio. Questi sono alcuni dei tanti dettagli che compongono il percorso creativo e musicale che ha portato alla creazione di “Umbras”, il primo disco di Supahfly, all’anagrafe Matteo Muscas, MC ed ora Dubmaster di origini sarde trapiantato nella bergamasca.

“Un viaggio da Sud a Nord e viceversa”, così ama spiegare l’artista, che ha interpretato non soltanto la musica Dub e Reggae, ma anche quella tradizionale sarda arricchendo ed impreziosendo la release, tanto da poter ascoltare in alcune tracce strumenti come la launeddas oppure la trunfa (conosciuta ai molti come scacciapensieri oppure arpa da bocca).

Luci ed ombre. Da Nord a Sud, andata e ritorno. In 12 tappe.

Bassi profondi, linee di piano ed organo incalzanti, ritmiche a volte serrate a volte quasi dolci tanto da rendere tracce come Mama Sardinia o Mo Ti Spiego, sognanti interpretazioni di viaggi mentali e sogni fra le terre sarde e del Sud Italia. C’è spazio anche per nomi come Sista Awa e Screwface in Digital Warriors e per Barabba’s in Fighting Imposters. Supahfly, padrone delle macchine, lo possiamo trovare al microfono (strumento, megafono d’origine della sua storia musicale) in tracce come Sonu e Militanza, Tirrania’s o Digital Warriors. Spazio anche ad un featuring internazionale come Fitta Warri, già voce in alcuni episodi discografici per Zion Train, qui veloce e preciso con le liriche in Love Alarm. Infine, non mancano le collaborazioni musicali, strumentali come in Irie Day con Adriano Sarais oppure Luigi Miacola aka The Navigator in Love Alarm e Tirrania’s. Chiudono il disco, due piccole perle della musica Dub. Due rivisitazioni: una ad opera di Due Tree (Tirrania’s Dub) ed una di Mekis, fondatore di Cockroach Int. Production, fonico del disco e produttore, nonché dubmaster dei Road to Zion con Irie Dub.

Il disco verrà pubblicato il 10 Novembre in copia fisica e il giorno precedente su 36 store digitali (Spotify, iTunes e molti altri).

Il disco sarà disponibile sul nostro store online, sia in formato CD che in formato digitale. Come sempre tutti i proventi delle vendite online per Cockroach Int. Production non saranno a sfondo di lucro ma in sostegno delle attività artistiche e gestionali dell’etichetta indipendente che dichiara attraverso la voce di Massimo Mekis: “Umbras è da ritenere uno dei più importanti capitoli discografici della nostra giovane storia. Ricco di spunti artistici, connessioni da Nord a Sud. Un disco che nasce da una viscerale passione nel voler condividere qualcosa. Al di fuori delle logiche dettate dai mass media. Ma, a mio avviso, proprio i mass media apprezzeranno tantissimo”.

Eccovi la tracklist ufficiale del disco:

Supahfly

  1. Irie Day Feat. Adriano Sarais
  2. Mama Sardinia Feat. Sista Namely
  3. Janas
  4. Fighting Imposters Feat. Barabba’s
  5. Trunf & Dub
  6. Digital Warriors Feat. Screwface, Fly, Sista Awa
  7. Love Alarm Feat. Fitta Warri
  8. Tirannia’s Muscas Instrumental
  9. Mo Ti Spiego Feat. Rocky G.Vox
  10. Sonu e Militanza
  11. Irie Dub (Mekis Version)
  12. Tirannia’s & Dub (Dub Tree Version)